Energy storage: una soluzione per il futuro

Gen 24 2022
a cura della Redazione
Alla luce della duplice necessità di produrre energia in modo più efficiente e di conservarne la maggiore quantità possibile, la società svedese GPBM si è concentrata nell’analisi del sistema BMS (Battery Management System) come risorsa che potrebbe fare la differenza negli anni a venire.
(Fonte: GPBM Italy)


futuro

futuro
(Fonte: GPBM Italy)

Il recente scenario che si sta profilando all’orizzonte pone alcuni interrogativi riguardo al futuro dell’energia. Gli aumenti del costo delle principali risorse per l’ottenimento di energia sono una vera e propria doccia fredda verso numerosi ambiti, e l’industria sarà probabilmente il settore che subirà in modo più marcato l’impatto dell’impennata dei “costi in bolletta”.
Si continua a parlare di energie alternative e, nonostante alcuni significativi passi avanti nell’adozione di energie rinnovabili, resta ancora moltissima strada da percorrere per ridisegnare in modo significativo le catene di fornitura e il sistema di distribuzione energetica. Su questa e altre tematiche correlate riportiamo nei prossimi paragrafi il punto di vista di Luca Negri, Sales manager industry di GPBM Italy, il quale ha analizzato la situazione attuale e cercato di tracciare una fotografia di come potrebbe essere lo scenario che ci aspetta nei prossimi anni. Per inciso, la casa madre GPBM ha sede in Svezia ed è impegnata nella ricerca e sviluppo di soluzioni innovative e sostenibili, ambito in cui ha portato a termine numerosi progetti basati su soluzioni energetiche personalizzate ed energie rinnovabili.  

Una situazione già sperimentata

Nel secolo scorso, il fattore energetico ha svolto il ruolo più importante, dando origine a cambiamenti epocali, in particolare il progresso tecnologico e industriale, con una serie di benefici per la vita quotidiana. Tuttavia, non sono mancati momenti estremamente delicati che hanno avuto un forte impatto in tutti i settori che dipendevano direttamente dal suddetto fattore. Che si trattasse di idroelettrico, fossile o nucleare, l’energia ha sempre vissuto una riprogrammazione variegata riguardo ai modi di produrla. Oggi emergono fattori differenti rispetto al passato, ma che sostanzialmente obbligano (volenti o nolenti) a rivedere ancora una volta e in modo profondo l’approvvigionamento e/o i metodi produttivi. Tanto per fare un esempio, la proliferazione dei veicoli elettrici, nonché il settore informatico sempre più energivoro a causa dell’aumento di generazione dei dati e della loro trasmissione, sono soltanto due aspetti che potranno mettere seriamente in difficoltà tutta la filiera energetica. Pertanto, sta emergendo la necessità non solo di riuscire a produrre energia in modo sempre più efficiente riducendo al contempo tutti gli sprechi, ma anche di riuscire a conservarla poiché destinata a diventare in futuro un bene sempre più prezioso.

Lo stoccaggio dell’energia

L’immagazzinamento di energia non è una questione recente, poiché nel corso dei decenni, attraverso la ricerca, è stato possibile disporre di sistemi via via più efficienti. Tuttavia, questo ambito viene richiamato prepotentemente in causa allo scopo di cercare di inserirlo, stavolta non più come possibile “jolly”, nella catena di fornitura energetica. Come detto, la crescente richiesta giornaliera di energia obbliga a vedere le cose da una prospettiva differente: se è vero che per produrne molta di più sarà necessario effettuare ingenti investimenti, è altrettanto vero che si può investire sul come riuscire ad immagazzinarne la maggiore quantità possibile. Questo discorso è tutt’altro che semplice, poiché per ogni soluzione esistono molte sfide da superare e non sempre esiste la fattibilità di un sistema. Le sfide vanno a toccare aspetti geografici e sociali: spesso sono molte le aree con maggior concentrazione nella richiesta energetica che non hanno ancora preso seriamente in considerazione le fonti alternative, mentre alcune aree isolate (e meno sviluppate) stanno provvedendo a sperimentare lo stoccaggio ottenuto tramite fonti rinnovabili.

(Fonte: GPBM Italy)

futuro
(Fonte: GPBM Italy)
Batterie e BMS

Si parte dal cuore del sistema: per ottenere uno stoccaggio efficiente e funzionale, batterie e sistemi BMS (Battery Management System) devono rispondere a molti requisiti. Le batterie dovranno avere affidabilità, durabilità e prestazioni invariate durante tutti i cicli di carica/scarica, resistenza a condizioni ambientali particolari e, cosa che spesso si tende a tralasciare, la possibilità di riciclare il materiale che compone la batteria.
Quest’ultimo aspetto rappresenta una tematica assai discussa, perché la proliferazione di pacchi batterie, specialmente dedicati al settore automotive, comporta il problema non indifferente dello smaltimento dei materiali. Ecco perché diventa di fondamentale importanza predisporre poli produttivi che siano in grado anche di rigenerare tutto il materiale che può ancora essere utilizzato e smaltire correttamente quello arrivato a fine vita.
Il BMS è il sistema di controllo del corretto utilizzo della batteria stessa. Uno degli aspetti fondamentali per l’efficientamento dei consumi risiede proprio nel BMS, poiché, attraverso il controllo approfondito e preciso dello stato di salute delle batterie e di tutti i parametri impostati, potrà gestire in modo ottimale carica e scarica, ottimizzando l’erogazione di energia e minimizzandone lo spreco. Per poter disporre di soluzioni ad alta efficienza è quindi necessario investire in infrastrutture e in R&D. Durante l’ultimo periodo, GPBM Industry si è concentrata in modo particolare nell’energy storage, avvalendosi della collaborazione di partner tecnici di primissimo piano con i quali sono state sviluppate numerose soluzioni.

Consapevolezza e abitudini

Con queste premesse, l’energy storage potrebbe realmente rappresentare un plus, per numerosi ambiti. Vanno però fatte alcune considerazioni in merito. È chiaro che non sarà possibile chiedere aiuto per sopperire alla domanda di energia solo ed esclusivamente ai sistemi di stoccaggio. Questo genere di sistema, infatti, non potrà mai essere in grado di soddisfare le richieste eccedenti: sarebbe come far scendere in campo undici giocatori ma chiedere soltanto al numero “10” di sopperire alle mancanze. L’evoluzione dei sistemi produttivi e di stoccaggio dell’energia dovrà essere accompagnata dalla diffusione globale di una nuova cultura della consapevolezza. Consapevolezza di avere a disposizione una quantità di energia non illimitata e che sarà vincolata a costi via via crescenti, con tutte le immaginabili conseguenze. Le nostre abitudini dovranno quindi subire significativi cambiamenti in relazione a questo scenario certo, cercando di ridurre la domanda ogni qualvolta essa si rivelerà superflua. In questo modo sarà possibile guadagnare tempo per lo sviluppo di applicazioni meno energivore e, allo stesso tempo, di tecnologie molto più sostenibili per la produzione energetica. A questo scopo, GPBM Industry continuerà il proprio impegno nello sviluppo di soluzioni di energy storage sempre più performanti ed efficienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.