Sinergia fra Enel X, Be Charge ed Eni per la diffusione della e-mobility in Italia

Dic 22 2021
a cura della Redazione
Gli accordi firmati dai principali fornitori di servizi di ricarica per veicoli elettrici attivano l’interoperabilità fra le rispettive reti, che consentirà ai loro clienti di fare il pieno di energia ai propri veicoli su tutto il territorio nazionale, utilizzando indifferentemente le infrastrutture delle tre società. Un tassello fondamentale nella strategia di diffusione dei trasporti sostenibili.
(Fonte: Unsplash)
(Fonte: Unsplash)

Enel X, Be Charge – società controllata da Eni gas e luce (dal 2022 Plenitude) – ed Eni hanno firmato oggi (22 dicembre) una serie di accordi che permettono a chi guida elettrico di fare il pieno di energia al proprio veicolo sul territorio nazionale utilizzando le infrastrutture delle tre società, che possono contare su circa 20 mila punti di ricarica elettrica.
Enel X, il più grande operatore nel settore delle infrastrutture di ricarica pubbliche del Paese con oltre 13 mila punti, e Be Charge, secondo player in Italia, gestiscono infatti le principali reti nazionali di ricarica per veicoli elettrici. Hanno una presenza capillare in tutte le regioni e nelle principali città, nonché un piano di investimenti che punta alla diffusione dell’e-mobility anche grazie all’installazione dei caricatori ad alta potenza che consentono una ricarica ultrarapida, facile e in totale sicurezza.
La partnership tra le aziende abilita l’interoperabilità tra le proprie reti di ricarica, dando la possibilità ai clienti di accedere al servizio in modo semplice dallo smartphone attraverso le app di Enel X, Be Charge ed Eni Live, e di ricaricare così indifferentemente sulle reti di Enel X e BeCharge.

(Fonte: Enel X)
(Fonte: Enel X)
Il commento dei partner

Federico Caleno, Responsabile Mobilità Elettrica per l’Italia ha dichiarato: “L’interoperabilità delle infrastrutture di ricarica è un tassello fondamentale nella strategia di diffusione della mobilità elettrica in Italia ed è per questo che siamo molto soddisfatti di aver raggiunto un accordo con Be Charge e con Eni, operatori che come noi credono fortemente nell’elettrificazione dei trasporti. In questi anni abbiamo creato una rete di ricarica capillare che copre tutta la penisola e permette alle persone di guidare un’auto elettrica in totale tranquillità. Oggi, attraverso questa collaborazione, dimostriamo ulteriormente quanto sia importante lavorare in sinergia con i partner per far sì che il passaggio all’elettrico diventi sempre più facile e conveniente”.

Simone Zuccotti, Presidente di Be Charge e Responsabile Innovazione e Sviluppo Business di Eni gas e luce, ha affermato: “Gli accordi si inseriscono perfettamente nella strategia di Be Charge di offrire a chi viaggia un’esperienza di rifornimento di energia sempre più facile e servizi ancora più innovativi. Grazie a partnership strategiche, come quelle con Enel X e Eni, vogliamo confermare ancora una volta il nostro impegno per la mobilità sostenibile, elemento chiave per la transizione energetica alla quale desideriamo contribuire attraverso un’appropriata diffusione dei sistemi di ricarica e delle infrastrutture per la loro gestione. Abbiamo infatti un piano di crescita rapida in Europa che punta a raggiungere oltre 31.000 punti di ricarica entro il 2030”.

Da parte di Eni, invece, il Responsabile Commerciale Green e Traditional Refining & Marketing, Giovanni Maffei, ha commentato: “Questa sinergia si inquadra nell’ambito della più ampia strategia di Eni per la mobilità del futuro, della quale fa parte l’evoluzione delle attuali stazioni di servizio, ‘mobility point’ nei quali prevediamo, tra l’altro, l’offerta di ricariche fast e ultra-fast per la mobilità elettrica. Nel piano rientra l’installazione di oltre 1.000 colonnine sulla rete delle nostre stazioni in Italia e all’estero entro il 2025. Inoltre, nella nostra app Eni Live, che già permette agli automobilisti di accedere a diversi servizi con pagamenti sempre più automatizzati, efficienti e sicuri, è inclusa l’interoperabilità per la ricarica elettrica dei veicoli”.

Eni ambisce a contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, sostenendo una “transizione energetica giusta”, che risponda alla sfida del cambiamento climatico con soluzioni concrete ed economicamente sostenibili, promuovendo l’accesso per tutti, efficiente e sostenibile, alle risorse energetiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.