MBDA si aggiudica il primo contratto per l’Albatros NG

Mar 03 2021
a cura della Redazione
L’ordine, proveniente da un cliente internazionale non specificato, riguarda il nuovo sistema di difesa aerea per applicazioni navali basato sul CAMM-ER, la variante a raggio esteso della famiglia Common Anti-Air Modular Missile già impiegata in tutto il mondo come munizione per sistemi in dotazione alle forze terrestri e alle marine militari.
(Foto: MBDA)
(Foto: MBDA)

MBDA si è aggiudicata il primo contratto per Albatros NG, un nuovissimo sistema di difesa aerea basato sul missile CAMM-ER. Questo primo ordine, da parte di un cliente internazionale, segna un’ulteriore conferma dell’interesse suscitato dalla famiglia missilistica CAMM per la difesa aerea sul mercato globale e apre la strada ad ulteriori acquisizioni da parte dello stesso cliente e di altre Marine.

Albatros NG è un sistema NBAD (Naval Based Air Defence) di nuova generazione, basato sul CAMM-ER, variante a raggio esteso della famiglia CAMM (Common Anti-Air Modular Missile), già in uso presso clienti di tutto il mondo come munizione su cui si basano sistemi finalizzati alla difesa aerea sia basata a terra sia su nave.

Sulla base del contratto sottoscritto, Albatros NG sarà in servizio nel 2024.

Una soluzione adatta per piattaforme navali di ogni tipo e dimensione

Albatros NG, il cui nome deriva dai tradizionali sistemi Albatros, da anni in servizio presso la Marina Militare Italiana e diversi clienti esteri, è adatto come sistema di difesa aerea per piattaforme che vanno dai pattugliatori e le corvette fino ai cacciatorpediniere. Consente inoltre una difesa complementare per le navi più grandi come fregate e cacciatorpediniere, già equipaggiate con un sistema di difesa aerea a lungo raggio. Può essere facilmente integrato senza significative modifiche alla struttura delle unità navali e il suo sistema di Comando e Controllo (C2) è progettato per consentire facilmente l’integrazione con i sistemi di gestione del combattimento navale (CMS) sia nuovi che esistenti.

Il missile CAMM-ER è in grado di fornire autodifesa e difesa delle navi consorti contro le nuove minacce aeree a distanze superiori a 40 km. Nel campo delle applicazioni terrestri sarà integrato nei nuovi sistemi di difesa aerea dell’Esercito Italiano e dell’Aeronautica Militare Italiana. I sistemi della famiglia CAMM sono già stati consegnati all’esercito britannico, alla Royal Navy e a diverse nazioni estere.

I sistemi di difesa aerea che utilizzano i missili CAMM e CAMM-ER possono fornire alle Forze Armate una protezione avanzata contro la minaccia aerea, sempre in evoluzione, che include caccia e droni, munizioni guidate di precisione, missili di crociera e anti-nave a bassa quota e obiettivi dotati di bassa segnatura elettromagnetica, il tutto anche in presenza delle più recenti contromisure elettroniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.