Fincantieri: varato il primo pattugliatore per il Qatar

Set 18 2020
a cura della Redazione
L’unità in questione, l’OPV Musherib, inaugura l’omonima classe di navi commissionata al gruppo cantieristico italiano dalla Difesa dell’Emirato nell’ambito di un contratto firmato nel 2016. Il varo è stato preceduto dal taglio della prima lamiera della corvetta Sumaysimah.
Un’immagine del varo dell’OPV Musherib, prima unità dell’omonima classe di pattugliatori costruiti da Fincantieri per il Qatar, avvenuta il 18 settembre 2020 presso lo stabilimento di Muggiano. (Fincantieri)

Fincantieri: varato il primo pattugliatore del Qatar
Un’immagine del varo dell’OPV Musherib, prima unità dell’omonima classe di pattugliatori costruiti da Fincantieri per il Qatar, avvenuta il 18 settembre 2020 presso lo stabilimento di Muggiano. (Fincantieri)

Alla presenza del Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, del vice Primo Ministro e Ministro della Difesa dello Stato del Qatar, Khalid bin Mohammed Al Attiyah, del Capo di Stato Maggiore della Marina del Qatar Maj. Gen. Abdulla Hassan Al Suleiti, del Capo di Stato Maggiore della Marina Amm. Giuseppe Cavo Dragone, accolti dal Presidente e dall’Amministratore delegato di Fincantieri Giampiero Massolo e Giuseppe Bono, si è svolto oggi (18 settembre) presso lo stabilimento di Muggiano (La Spezia) il varo tecnico del pattugliatore (OPV – Offshore Patrol Vessel) Musherib, prima unità della classe omonima commissionata a Fincantieri dal Ministero della Difesa del Qatar nell’ambito del programma di acquisizione navale nazionale. Il varo, avvenuto in forma privata e nella piena osservanza di tutte le prescrizioni sanitarie vigenti, è stato preceduto dal taglio della prima lamiera dell’unità Sumaysimah, quarta corvetta dello stesso programma.

Una nave che potrà svolgere molteplici compiti

L’OPV Musherib, che verrà consegnato nel 2022, è stato progettato in accordo al regolamento RINAMIL for Fast Patrol Vessel (FPV) e sarà un’unità altamente flessibile con capacità di assolvere a molteplici compiti che vanno dal pattugliamento al ruolo di nave combattente. Ha una lunghezza di circa 63 metri, una larghezza di 9,2 metri, una velocità massima di 30 nodi, e potrà ospitare a bordo 38 persone di equipaggio. L’impianto di propulsione prevede quattro eliche a passo variabile, due a dritta e due a sinistra, ciascuna in linea con un motore diesel di propulsione. Inoltre, l’unità potrà impiegare un RHIB (Rigid Hull Inflatable Boat), imbarcato tramite una gru poppiera.

Un contratto da 4 miliardi di euro per la fornitura di 7 navi

Il contratto, che per Fincantieri vale quasi 4 miliardi di euro, prevede la fornitura di sette navi di superficie, di cui quattro corvette della lunghezza di oltre 100 metri, una nave anfibia (LPD – Landing Platform Dock), due pattugliatori (OPV – Offshore Patrol Vessel), e servizi di supporto in Qatar per ulteriori 10 anni dopo la consegna delle unità. Tutte le unità vengono interamente costruite nei cantieri italiani del Gruppo, assicurando fino al 2024 la continuità di lavoro e una ricaduta importante sulle principali società della difesa italiane.

Fiancata dell’OPV Musherib con il nome dell'unità. (Fincantieri)

Fincantieri: varato il primo pattugliatore del Qatar
Fiancata dell’OPV Musherib con il nome dell’unità. (Fincantieri)
La partnership strategica tra Fincantieri e la Difesa del Qatar

All’importante contratto di cui sopra, finalizzato nel giugno 2016, si aggiungono brillanti prospettive future basate sul memorandum d’intesa firmato lo scorso gennaio a Doha da Fincantieri e dalla Difesa del Qatar per tramite di Barzan Holdings (società posseduta al 100% dallo stesso dicastero e responsabile per il potenziamento delle capacità militari dell’Emirato), volto a rafforzare la partnership strategica attraverso la valutazione e gli studi di nuove tecnologie e capacità.    

I programmi coperti dal MoU includono, fra gli altri, la progettazione, la costruzione e la gestione di una base navale, la gestione dell’intera flotta navale, l’implementazione di nuove tecnologie come il Digital Radar e la Cyber Security, nonché la fornitura di nuove unità navali e sottomarini all’avanguardia.

La firma è avvenuta tra l’amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono e, per la Difesa del Qatar, il presidente di Barzan Holding, Nasser Al Naimi, alla presenza del vicepremier e ministro della Difesa, Khalid Bin Mohammed Al Attiyah, e dei vertici militari qatarioti. Per rafforzare ulteriormente la propria posizione nello scacchiere mediorientale, Fincantieri ha costituito a Doha Fincantieri Services Middle East, che sarà il fulcro di tutte le attività di servizi e di post-vendita sulle navi militari del Gruppo nel Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *