Thales Alenia Space: contratti dall’ESA per lo sviluppo di EGNOS

Mag 18 2020
a cura della Redazione
La joint venture di Thales e Leonardo è stata scelta dall’Agenzia Spaziale Europea per studiare l’evoluzione del sistema di navigazione realizzato per conto dell’UE, allo scopo di migliorare la sicurezza degli aeromobili in fase di atterraggio nel Vecchio Continente ed estendere i servizi aeronautici a tutto il mondo grazie alla copertura dei satelliti Galileo.
(Thales Alenia Space)

Thales Alenia Space EGNOS

Thales Alenia Space EGNOS
(Thales Alenia Space)

Thales Alenia Space, joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%), si è aggiudicata due contratti relativi al futuro del sistema di navigazione satellitare EGNOS (European Geostationary Navigation Overlay Service). Questi contratti consentiranno di studiare e di sviluppare le evoluzioni di tale sistema grazie all’esperienza di Thales Alenia Space, prime contractor del programma da oltre 25 anni. Progetto di punta dell’Unione Europea, EGNOS è concepito per migliorare l’accuratezza e l’integrità dei segnali di posizionamento forniti dal GPS per applicazioni critiche. È stato implementato per la prima volta nel 2005, ha iniziato a operare in modalità di servizio aperto nel 2009 ed è disponibile in modalità “Safety of Life” dal 2011.

L’aggiornamento sarà basato sul concetto A-RAM

Il primo contratto riguarda l’evoluzione dei servizi aeronautici di EGNOS, con l’obiettivo di migliorare le prestazioni relative alla sicurezza dell’atterraggio in condizioni di visibilità limitata (da CAT-I a CAT-II). Tale sviluppo avverrà nell’attuale area di copertura di EGNOS, vale a dire l’Europa. Il secondo contratto riguarda le modifiche per estendere i servizi aeronautici in tutto il mondo. Basato su tecnologie all’avanguardia, questo aggiornamento utilizzerà il concetto A-RAIM (Advanced Receiver Autonomous Integrity Monitoring) e la copertura globale della costellazione satellitare Galileo. Lo schema RAIM è una tecnologia già implementata che valuta l’integrità dei segnali nei ricevitori che fanno parte di un sistema di posizionamento globale, principalmente GPS. Galileo sarà incorporato nella versione avanzata di A-RAIM, per fornire prestazioni di guida orizzontale migliori di quelle che RAIM potrebbe offrire utilizzando solo il GPS. Il nuovo sistema permetterà inoltre di fornire servizi “Safety of Life” per l’aviazione, compresi gli approcci con guida verticale, attraverso il monitoraggio delle costellazioni GPS e Galileo tramite EGNOS.

La soddisfazione di TAS

“Essenziali per l’evoluzione della navigazione satellitare in Europa, i contratti di oggi rafforzano la leadership di Thales Alenia Space nei sistemi di navigazione satellitare all’avanguardia, inclusi i servizi Safety of Life”, ha affermato Benoit Broudy, responsabile del Settore Navigazione presso Thales Alenia Space in Francia, il quale ha aggiunto: “I nostri successi sui mercati di esportazione, come in Corea del Sud, confermano la validità del nostro approccio innovativo che ci consente di offrire soluzioni sempre più efficienti e agili per soddisfare le esigenze in evoluzione dei clienti di tutto il mondo.”

L’architettura di EGNOS. (Commissione europea)
L’architettura di EGNOS. (Commissione europea)
Il servizio “Safety of Life”, un successo nei mercati di esportazione

Il servizio EGNOS “Safety of Life” viene utilizzato nel campo dell’aviazione per la fase d’atterraggio al fine di eseguire approcci di precisione negli aeroporti, senza richiedere sistemi di guida a terra. Basandosi sulla sua esperienza in questo campo, Thales Alenia Space ha firmato un contratto nel 2016 con l’Agenzia Spaziale Coreana per la fornitura del Sistema satellitare di Potenziamento Coreano (Korean Augmentation Satellite System – KASS). Includendo i servizi di navigazione “Safety of Life”, KASS è un sistema regionale di navigazione che inizialmente verrà utilizzato per l’aviazione. Fornirà servizi indispensabili in alcune fase di volo, in particolare in quella di atterraggio, in modo che gli aeroporti non abbiano più bisogno di strutture di supporto per l’atterraggio a terra.

Allo stesso modo, all’inizio del 2019 l’ASECNA, l’Agenzia di Sicurezza della Navigazione Aerea per Africa e Madagascar, ha scelto Thales Alenia Space per gestire il progetto di fase B che include la fornitura di un servizio pre-operativo nel 2020, nonché un sistema (SBAS) (Satellite Based Augmentation System) nell’Africa sub-sahariana, per supportare la significativa crescita del traffico aereo in questa area, grazie a una soluzione satellitare ottimizzata. Il progetto ha recentemente fatto un grande passo avanti, con la convalida dell’architettura del sistema e delle principali caratteristiche prestazionali. Questo studio è stato condotto da ASECNA e Thales Alenia Space, con finanziamenti dell’Unione Europea, nell’ambito di un ambizioso programma per lo sviluppo del settore dell’aviazione in Africa. Da completare entro la fine dell’anno, include anche la fornitura di un servizio pre-operativo, insieme a dimostrazioni su come utilizzare il servizio insieme alle compagnie aeree partner. TAS Alenia Space ha completato le attività di collaudo e accettazione del dimostratore, che saranno successivamente utilizzati nei vari siti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *