Elettronica: una App di “contact tracing” contro il rischio contagio da Covid-19

Mag 19 2020
a cura della Redazione
Elt è la prima società italiana a introdurre il pionieristico sistema IGEA-HITS prodotto dalla partecipata Cy4Gate, con il quale sarà possibile velocizzare e semplificare le azioni di contenimento di eventuali infezioni da Coronavirus tra i dipendenti dell’azienda, nel rispetto della loro privacy e con il consenso dei rispettivi sindacati.
Elettronica: App “contact tracing” 

Elettronica: App “contact tracing”

A partire dal 20 maggio i dipendenti Elettronica potranno contare, nell’ambito della vita aziendale, su un ulteriore elemento di sicurezza contro il rischio di infezione da Covid-19. La fase 2 inizia con un sistema pioneristico di tracciamento chiamato IGEA-HITS, prodotto dalla partecipata Cy4Gate. Il sistema chiamato “IGEA Corporate” monitora i flussi di ingresso, attraverso una camera termica e ottica allo scopo di misurare la temperatura e di verificare l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale obbligatori per tutti i dipendenti. IGEA agisce in abbinamento a una App di “contact tracing”, denominata HITS, che monitora i contatti all’interno del perimetro aziendale e li combina con quelli dei flussi di ingresso, al fine di velocizzare e semplificare le azioni di contenimento in presenza di un potenziale contagio.

Elettronica: App “contact tracing” 

Elettronica: App “contact tracing” 

Elettronica: App “contact tracing”
Come funziona il sistema “IGEA Corporate” per il monitoraggio dei flussi d’ingresso nelle sedi aziendali. (Elettronica)
Tecnologia bluetooth per il tracciamento

Il tracciamento avviene con tecnologia bluetooth, nel rispetto della normativa sulla privacy e la App si attiva automaticamente solo all’interno del perimetro aziendale, previo consenso da parte del dipendente. I movimenti delle persone sono memorizzati attraverso uno User ID anonimo generato dalla App che rende impossibile l’identificazione immediata del singolo dipendente. In caso di positività al Covid-19, il diario dei contatti del soggetto potrà essere inviato, con esplicito consenso, dal cellulare al server aziendale per la verifica dei contatti avvenuti all’interno dell’azienda con altri soggetti dotati della stessa App. Il medico competente provvederà poi a contattarli per fornire tutte le indicazioni sanitarie del caso e condividere con le istituzioni sanitarie le informazioni trasmesse dalla App.

La soddisfazione dei sindacati FIM CISL e UILM UIL

Dopo una fase iniziale di test, il sistema sarà reso disponibile all’intera popolazione aziendale, pur restando una misura temporanea per il periodo dell’emergenza sanitaria. Ad ulteriore garanzia della tutela personale, vi è inoltre il lavoro di presidio permanente del Data Protection Officer. Il sistema è stato oggetto di un accordo sindacale, lo scorso 13 maggio, con le RSU aziendali e le organizzazioni territoriali FIM CISL e UILM UIL, alla presenza di Unindustria. I Segretari territoriali FIM CISL e UILM UIL, Stefano Lombardi e Ariel Hassan, hanno espresso piena soddisfazione per l’accordo raggiunto su “IGEA Corporate” che consente, attraverso l’utilizzo di questo innovativo strumento tecnologico, di coniugare il diritto alla salute con i diritti fondamentali della Privacy di ciascun lavoratore.

Elettronica: App “contact tracing” 
Elettronica: App “contact tracing” 
Elettronica: App “contact tracing”
Come funziona la App di “contact tracing” HITS. (Elettronica)
“Elt all’avanguardia nella tutela della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro.”

“Siamo molto fieri di essere tra le prime società in Italia ad aver adottato un sistema di tracciamento e monitoraggio dei contatti” ha commentato Domitilla Benigni, Direttore Generale di Elettronica, “ponendoci all’avanguardia nella tutela della salute e sicurezza negli ambienti di lavoro, e siamo grati ai sindacati di aver condiviso con noi, fin dall’inizio dell’emergenza, tutte le misure straordinarie prese dall’azienda per contrastare il diffondersi del contagio, anche al di là di quelle previste dalla legge. Ne ricordo solo alcune, oltre all’ampio ricorso allo smartworking: ‘packed lunch’ come alternativa alla mensa, l’impiego del ‘desk sharing’ per diluire l’affollamento in sede, nuovi spazi esterni per il caffè, un macchinario ulteriore automatico per la disinfezione degli ambienti, la protezione per i lavoratori fragili e per quelli a rischio nella pienezza della retribuzione e un’assicurazione sanitaria integrativa ad hoc per il rischio Covid”.

Eugenio Santagata, CEO di Cy4Gate, ha dichiarato: “Consapevole delle nuove frontiera di rischio per i luoghi di lavoro indotta dal Covid-19, Cy4Gate ha pensato a una soluzione agile per le aziende, da affiancare alle misure già previste dalle autorità. IGEA-HITS, attraverso tecnologie di ‘data mining’, consente il monitoraggio dell’epidemia grazie alla raccolta, elaborazione e aggregazione di dati volontariamente messi a disposizione dai dipendenti, nel totale rispetto della privacy. Il sistema inoltre è del tutto compatibile con i sistemi di tracciamento previsti a livello nazionale.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.